Skip to content

SHANTYCHOR-FRISCHE-BRISE.INFO

Qui puoi scaricare i file :) I nostri server si trovano a Milano

SCARICA WILLIAM SHIRER CADUTA FRANCIA


    Contents
  1. WILLIAM SHIRER CADUTA FRANCIA SCARICARE
  2. WILLIAM SHIRER CADUTA FRANCIA SCARICA
  3. SCARICA WILLIAM SHIRER CADUTA FRANCIA
  4. William Shirer - Wikipedia

SCARICARE WILLIAM SHIRER CADUTA FRANCIA - Da 5 a 7 euro secondo la scelta del cliente Oltre i 5 Kg. Inoltre, aziende terze, con cui siamo affiliati. SCARICA WILLIAM SHIRER CADUTA FRANCIA - Toccando un link o Accetta, accetti l'utilizzo dei cookie e altre tecnologie da parte nostra e da parte dei nostri . Da Sedan all'occupazione nazista di William L. Shirer: spedizione gratuita per i clienti La fulminea caduta della Francia davanti all'avanzata delle truppe naziste fu Scopri Kindle, oppure scarica l'applicazione di lettura Kindle GRATUITA. Acquista il libro La caduta della Francia. Da Sedan all'occupazione nazista di Shirer William in offerta; lo trovi online a prezzi scontati su La. Acquista il libro caduta della Francia di Shirer William in offerta; lo trovi online a prezzi scontati su La Feltrinelli.

Nome: william shirer caduta francia
Formato:Fichier D’archive
Sistemi operativi: iOS. Windows XP/7/10. MacOS. Android.
Licenza:Gratuito (* Per uso personale)
Dimensione del file:67.57 Megabytes

SCARICA WILLIAM SHIRER CADUTA FRANCIA

Scarica il file Excel sul computer. Atti del Convegno dei Comitati di liberazione nazionale - Torino ottobre G. IV L'esperienza dei garibaldini della Valsesia Ist. Announcement: Elenco completo. Nel sessantesimo anniversario dell'intitolazione del campo sportivo di Tricesimo.

I piani antialbanesi della Gran Bretagna, durante la Seconda Guerra Mondiale in base au documenti del Foreign Office degli anni Su la lotta per l'emancipazione dei lavoratori dallo sfruttamento capitalistico. Il mito del bravo italiano tra repressione del ribellismo e guerra ai civili nei territori occupati.

Informazioni sul venditore professionale. Informazioni complete. Termini e condizioni della vendita. Regola sulla restituzione. Clicca qui per ulteriori dettagli sulle Restituzioni. Per le transazioni idonee, sei coperto dal programma Garanzia cliente eBay se ricevi un oggetto non conforme alla descrizione.

Le spese di spedizione per la restituzione sono a carico dell'acquirente. Spedizione e imballaggio. Il venditore non ha specificato un metodo di spedizione nei seguenti Paesi: Ucraina. Contatta il venditore - si apre in una nuova finestra o scheda e chiedi la spedizione per il tuo indirizzo. Impossibile calcolare le spese di spedizione.

Inserisci un CAP valido. Sono presenti 1 oggetti disponibili. Inserisci un numero inferiore o uguale a 1. Seleziona un Paese valido. Tempi di imballaggio per spedizioni nazionali. La spedizione di solito viene effettuata entro 4 giorni lavorativi dalla ricezione del pagamento - viene aperta una nuova finestra o scheda. Dettagli per il pagamento. Rimborso se non ricevi quello che hai ordinato e hai pagato con PayPal. Torna alla homepage Torna all'inizio.

Buone condizioni ,. Torna alla homepage. In vendita nella categoria:. Aggiungi agli oggetti che osservi Osservato L'elenco degli oggetti che osservi è pieno. Peluche Thorin El Dorado.

Agenda giornalie Tazza Mug Warmer Penna roller Cla Infinite Emozion Offerte Musica Tutta la Leggera internazionale da 2. Offerte Cinema Tutti i Blu-Ray da 9.

Gift Card. Aggiungi alla Lista Desideri.

Recensioni Nessuna Recensione presente. Vuoi essere il primo a inserirne una? Scrivi la tua Recensione. Vi parliamo dall'hotel Dreesen di Godesberg. In una stanza proprio sopra di noi, il cancelliere del Reich tedesco e il primo ministro della Gran Bretagna hanno avuto il loro storico incontro, durato gran parte del pomeriggio.

Ho detto storico, e probabilmente cos, anche se le cose accadono tanto in fretta qui che alcuni incominciano a pensare che il colloquio fra i due statisti sia stato poco pi di una formalit, ossia abbia avuto la mera funzione di definire i particolari.

Questo perch, stando alla voce che corre qui oggi, i tedeschi dei Sudeti, con l'appoggio del Reich, sono gi penetrati in Cecoslovacchia. E si dice che le bandiere con la croce uncinata gi sventolino, stasera, in quelle due roccheforti dei sudeti in Cecoslovacchia che sono Aasch ed Eger. A giudicare da qui, si direbbe che la valanga non possa essere arrestata. E ora veniamo all'incontro svoltosi al piano sopra il nostro, qui, all'hotel Dreesen.

Il cancelliere Hitler arrivato stamane alle 10 con un treno spePagina Il signor Chamberlain, giunto in volo da Londra, atterrato a Colonia alle La maggior parte dei giornalisti era all'aeroporto per intervistarlo ma, come si supponeva, il primo ministro disse che non aveva dichiarazioni da fare.

Ho notato che aveva un'espressione molto seria, e passammo ben poco tempo in formalit. Il signor Chamberlain, naturalmente, era preoccupato per il compito che lo attendeva, tanto che aveva dimenticato l'ombrello in aereo, e dovettero andare a prenderglielo. Fra parentesi, era una bella giornata, assolata e molto calda.

Un picchetto d'onore formato da militi della guardia personale di Hitler - SS scelte, in divisa nera e con l'elmetto - ha presentato le armi, e il signor Chamberlain ha restituito il saluto alzando il braccio. Il primo ministro britannico non ha incontrato subito il cancelliere Hitler.

E andato direttamente in macchina al suo albergo in cima al Petersberg e, dopo aver ammirato il panorama, ha fatto colazione con l'ambasciatore britannico Sir Nevile Henderson. In albergo ha detto ai suoi amici: "Il volo stato buono. Bel tempo. Si volava basso e ho potuto osservare bene il paesaggio". Poco prima delle 16, ora locale, il signor Chamberlain salito su una delle Mercedes del cancelliere tedesco, ha seguito il corso del Reno, attraversato il fiume con il traghetto che tutti usiamo in mancanza di ponte.

Lo accompagnava il ministro degli Esteri tedesco, Herr Ribbentrop. All'hotel Dreesen Hitler era sull'ampia terrazza a ricevere l'ospite. Si sono stretti calorosamente la mano, quindi Hitler ha fatto strada a Chamberlain conducendolo al piano superiore, dov'era la saletta destinata all'incontro. Dopo cinque minuti di formalit tutti gli accompagnatori e consiglieri dell'uno e dell'altro si sono ritirati, e il signor Chamberlain e Herr Hitler sono stati lasciati assolutamente soli, a discutere quale destino avrebbero deciso di imporre all'Europa.

C'era solo un'altra persona, con loro: il professor Schmidt, interprete di Hitler. E troppo presto, al momento, per poter dire in modo attendibile che cosa stato discusso e che cosa stato deciso. Il signor Chamberlain, a quanto sembra, arrivato con alcuni progetti da lui elaborati per la soluzione del problema.

Si dice che siano tre. L'istituzione di una commissione internazionale per il territorio dei Sudeti, per disporre il ritiro dei cechi e il trasferimento, nella misura necessaria, delle due popolazioni. Un appello delle quattro potenze occidentali affinch si assi1. Una garanzia internazionale per quanto rester della Cecoslovacchia.

Questo serve a darvi un'idea di quello che bolle in pentola, ma dovremo aspettare un paio di giorni per sapere che cosa ne salter fuori. E ora notizie dall'altra parte della Germania, da est. Secondo quanto stato riferito qui, le truppe e le forze di polizia ceche si sono ritirate oggi dal settore di Eger, che stato immediatamente occupato dalla Legione sudeta che ha attraversato la frontiera provenendo dalla Germania dove, per una settimana, era stata preparata e armata.

Venendo all'hotel, pochi minuti fa, ho comprato l'edizione serale della Klnische Zeitung.

WILLIAM SHIRER CADUTA FRANCIA SCARICARE

Voglio leggervi la prima corrispondenza comunicata per telefono dall'inviato di questo giornale da un luogo che fino a ieri era cecoslovacco, ma che ora entrato a far parte di questo Reich che seguita a gonfiarsi. La corrispondenza proviene da Graslitz, presso Eger. Un'irrefrenabile gioia si diffusa fra la gente della valle di Klingen, sia fra i tedeschi del Reich sia fra i profughi sudeti. Una folla ha invaso le strade di Klingenthal citt dalla parte tedesca del confine tedesco-cecoslovacco gridando: "La frontiera libera!

La Germania dei Sudeti libera! Le strade che percorrevamo erano piene di gente che gridava senza sosta: "Heil! Potevamo avanzare fra quella massa solo procedendo molto lentamente. Dopo un quarto d'ora siamo riusciti a raggiungere il mercato, dove una folla delirante ci ha bloccati del tutto. Abbiamo dovuto scendere dalla macchina.

Proprio allora ho visto issare la prima bandiera con la svastica sopra gli uffici distrettuali cechi. Vi sto telefonando dalla centrale telefonica locale. Ed eccovi il proclama alla popolazione di Eger, appena diffuso dall'agenzia di notizie ufficiale tedesca DNB Deutscher Nachrichten Bund. In questa grande ora chiediamo a tutti i camerati di mantenere la massima calma e il massimo ordine. Il nostro servizio di polizia, d'accordo con le autorit ceche, assume il ruolo dell'organizzazione dei combattenti di prima linea.

Gli ordini dei combattenti di prima linea devono essere assolutamente eseguiti. Per garantire un passaggio senza incidenti alla nostra patria, si chiede a tutta la popolazione di rimanere per il momento in casa. Tedeschi di Eger, che per tanti duri anni avete saputo mantenere la pi stretta disciplina, in queste ore che precedono la liberazione completa continuate ad attenervi alla legge e a mantenere l'ordine'. E che si sia svolta pacificamente.

Un altro dispaccio DNB da Eger parla anch'esso di accordi che sono stati presi con le forze di polizia e dell'esercito cechi per uno sgombero pacifico. Ma evidentemente vi stato un gruppo di soldati cechi che non si ritirato immediatamente da Eger. La DNB riferisce che il cimitero era ancora presidiato da truppe ceche. Sottolinea comunque che le operazioni di occupazione del distretto sono avvenute ordinatamente e pacificamente.

Be', le cose si muovono in fretta. Appena una settimana fa ero per le strade di Eger e osservavo la facciata dell'hotel Victoria, parzialmente rovinata dalle bombe a mano e dai colpi di mitragliatrice. Dappertutto si vedevano soldati e poliziotti cechi, con carri armati e autoblindo.

Era solo una settimana fa, ripeto. Godesherg, settembre , ore 1. Qui parla Godesberg, in Germania. Per la seconda volta oggi vi parlo dall'hotel Dreesen di Godesberg dove per oltre tre ore, questo pomeriggio, il cancelliere Hitler e il primo ministro Chamberlain sono stati a colloquio.

Che cosa sia stato deciso o che cosa sia stato discusso nella piccola sala sopra di noi non ancora stato reso noto. Tutto quello che sappiamo che le trattative non si sono concluse dopo la prima riunione, come era accaduto a Berchtesgaden la settimana scorsa, e un comunicato ufficiale annuncia che proseguiranno domani.

E poi dobbiamo informarvi dell'appello lanciato dal primo ministro britannico stasera, dal suo albergo in collina sopra il Reno, con cui chiede che non avvengano incidenti nel territorio dei Sudeti. Poco dopo che il signor Chamberlain ebbe lasciato l'albergo del cancelliere Hitler alle Il traghetto era fuori servizio e quindi dovemmo fare otto chilometri lungo la riva del Reno per trovare un ponte, e giungemmo trafelati sul PetersPagina Vi leggo la dichiarazione rilasciata dal primo ministro Chamberlain cos come ci stata consegnata: "Il primo ministro stato a colloquio con il Fhrer tedesco dalle ore 16 a poco dopo le Il primo ministro rivolge pertanto a tutti un caloroso appello affinch collaborino a mantenere l'ordine e si astengano da qualsiasi atto suscettibile di provocare incidenti.

Stasera i giornali dedicano i titoli delle prime pagine sia all'incontro del primo ministro britannico con il cancelliere tedesco sia all'occupazione del distretto di Eger da parte dei tedeschi dei Sudeti, occupazione che secondo i giornali ha avuto inizio questa mattina. La stampa tedesca afferma che l'occupazione ha avuto luogo in perfetto ordine e in base ad accordi presi con le forze armate e la polizia ceche.

E potete ben immaginare quanto notevole sia stato il gaudio popolare qui quando giunta la notizia che il vessillo con la svastica veniva issato ovunque in un territorio che fino a ieri apparteneva alla Cecoslovacchia.

Mi trovavo a Eger solo una settimana fa, e naturalmente non si vedevano in giro bandiere con la croce uncinata. Le cose camminano in fretta, non v' dubbio.

WILLIAM SHIRER CADUTA FRANCIA SCARICA

Oggi, dice la stampa tedesca, la bandiera nazista stata issata in rapida successione sul municipio, sulla chiesa, su numerosi altri edifici pubblici e poi anche su case private. Qui adesso l'1. Noto che le luci alle finestre dell'albergo del signor Chamberlain, dall'altra parte del Reno, sono quasi tutte spente. La brava gente di questa cittadina che si chiama Godesberg se n' andata a letto.

Berlino, 24 settembre , ore 0. Questa sera mi sembra che almeno si sappia qualcosa di pi sul punto a cui ci troviamo. Abbiamo ancora davanti a noi sei giorni di pace. Esattamente fra una settimana sapremo se rester la pace o ci sar la guerra. Per quanto ci dato sapere, i colloqui fra il signor Chamberlain e Herr Hitler terminati all'1.

Vi era un po' di confusione fra tutti noi qui a Godesberg, questa mattina presto, su quello che il primo ministro britannico e il cancelliere tedesco avevano effettivamente raggiunto. Ma stasera, da come le si vede qui a Berlino, le cose stanno cos: Herr Hitler ha chiesto alla Cecoslovacchia di consentire, non oltre sabato prossimo, alla cessione alla Germania del territorio dei Sudeti.

Il signor Chamberlain ha accettato di farsi latore di questa richiesta al governo ceco.

E il fatto stesso che lui - con tutta l'autorit di chi il leader politico dell'impero britannico - abbia accettato l'incarico di comunicare le richieste di Hitler al governo di Praga viene giudicato qui, e ritengo anche altrove, una prova che le appoggia. E questa la ragione per cui pochi a Berlino, questa sera, ritengono che la Cecoslovacchia opporr un rifiuto. Ed per la stessa ragione che la stampa tedesca, questa sera, esalta i nomi di Adolf Hitler e di Neville Chamberlain come quelli dei responsabili della pace in Europa.

Ecco perch i tedeschi con cui ho parlato per le strade di Colonia all'alba di oggi, prima di andare a prendere l'aereo, e quelli con cui ho parlato a Berlino questa sera, sembrano ancora credere che, alla fine, ci sar la pace. E che la Germania acquister tre milioni e mezzo di tedeschi dei Sudeti e il loro territorio, ricco e bello, senza spargimento di sangue. Infatti quale credete che sia lo slogan a Berlino questa sera? Si trova in tutti i giornali della sera, ed : "Con Hitler e Chamberlain Pagina Il signor Chamberlain indubbiamente diventato un personaggio molto popolare qui in Germania.

Il Diplomatie Correspondence, organo del ministero degli Esteri tedesco, scrive oggi: "La nazione tedesca ringrazia il signor Chamberlain per gli sforzi compiuti al fine di trovare una base che consentisse di sventare la minaccia di una guerra e di condurre la controversia alla giusta soluzione, che la pacifica separazione dei cechi dai sudeti.

Il primo ministro, in una sola settimana, ha fatto un prezioso lavoro al servizio della pace. Egli consapevole che le richieste tedesche non esorbitano dal principio di autodeterminazione dei popoli, riconosciuto in tutti gli ambienti responsabili". E Der Angriff, che il pi accesamente nazionalsocialista fra i giornali berlinesi della sera, dice che la calda accoglienza riservata al signor Chamberlain questa mattina a Colonia prima che si imbarcasse sull'aereo che lo avrebbe riportato a Londra "un'ulteriore prova di quanto questo abile e lungimirante uomo di stato abbia saputo conquistarsi le simpatie pi sincere del popolo tedesco".

E lo stesso giornale prosegue affermando che, cito, "Il signor Chamberlain e il cancelliere Hitler hanno lavorato giorno e notte per la pace". Secondo la stessa stampa tedesca, il presidente cecoslovacco Benes, invece, ha lavorato giorno e notte per il fine diametralmente opposto, ossia per la guerra.

E tutti i giornali di stasera, che come ho detto hanno dato il dovuto risalto al nuovo slogan "Con Hitler e Chamberlain per la pace", ne pubblicano un altro riguardante la Cecoslovacchia, che dice: "Con Benes e Stalin per la guerra". Guardiamo i titoli dei giornali berlinesi della sera e di quelli del mattino.

Herr Hitler, per tornare al nostro notiziario, tornato a Berlino in aereo nel pomeriggio e si consultato con i suoi principali collaboratori, fra i quali il feldmaresciallo Gring che, come stato annunciato, si completamente rimesso dopo la recente malattia. Qui in Germania siamo completamente tagliati fuori dalla Cecoslovacchia.

Oggi non arrivato da Praga n un treno n un aereo. Ed stato interrotto anche il servizio postale e telegrafico. Alti funzionari di qui hanno detto che il ministro cecoslovacco delle Poste ha oggi informato l'ufficio postale internazionale di Berna che, in conformit con l'articolo 21 della convenzione di Berna, tutte le comunicazioni postali e telegrafiche private da e per la Cecoslovacchia erano state interrotte.

SCARICA WILLIAM SHIRER CADUTA FRANCIA

Berlino, 25 settembre , ore La novit di questa sera, da Berlino, l'annuncio che il cancelliere Hitler terr un discorso definito storico domani sera alle 20, ossia alle 14 di New York. Questa sera fervono i preparativi per mettere in grado i 15 milioni di tedeschi che vivono in questo paese, dal primo all'ultimo, di ascoltare, via radio, le parole del Fhrer.

Il discorso sar irradiato su onde corte in molti paesi stranieri. Insomma, ben pochi in Europa, e nel resto del mondo, dovranno rinunciare ad ascoltare il discorso, se vorranno ascoltarlo. Potete ben immaginare che fra gli ascoltatori non mancheranno certo Chamberlain a Londra e Daladier a Parigi. Anzi, il cancelliere Hitler avr probabilmente un uditorio ancora pi numeroso di quello che ha avuto tredici giorni fa, allorch ha Pagina Fu dopo quel discorso, come ricorderete, che gli avvenimenti in Cecoslovacchia e nel resto d'Europa cominciarono a prendere un ritmo sbalorditivo.

La notizia che in quest'ora di tensione per l'intera Europa Hitler ha deciso di tenere un discorso in pubblico stata data improvvisamente alle 17 di oggi a Berlino. A quell'ora stavo percorrendo la Wilhelmstrasse, di ritorno da una visita all'ambasciata americana dove avevo fatto una chiacchierata con un consigliere. Solitamente di domenica pomeriggio la Wilhelmstrasse - dove come sapete hanno sede la maggior parte dei ministeri, compreso quello degli Esteri, e la Cancelleria di Herr Hitler - una strada tranquilla e quasi deserta in un pomeriggio domenicale, con un tempo che fra parentesi era bello.

Tutti gli uffici governativi di solito sono chiusi. Ma questo pomeriggio ho avuto l'impressione che vi fosse un'insolita attivit. C'era troppa gente che andava e veniva, per intenderci. Mi parso di vedere uscire dal ministero degli Esteri l'ambasciatore britannico Sir Nevile Henderson. E stata una sorpresa, perch io sapevo che di solito non va a far visita al ministero degli Esteri tedesco la domenica.

Verso le 20 di questa sera, le prime edizioni dei giornali di domani erano gi in vendita per le strade e la gente si affrettava ad acquistarle. Ne ho comperata una copia anch'io, e questo era il titolo di testa, in grande evidenza: "Il Fhrer parler luned allo Sportpalast.

Pubblici altoparlanti porteranno la sua voce in ogni angolo del paese". E poco sotto, sempre in prima pagina, si leggeva, stampato in neretto, il seguente Proclama al popolo emanato dal dottor Goebbels. Dal proclama, cito: "Luned 26 settembre, alle ore 8, allo Sportpalast di Berlino si terr un grande raduno popolare di massa.

Parler il Fhrer. Coloro che non posseggono un apparecchio radio la ascolteranno attraverso gli altoparlanti comunitari in ogni citt e villaggio della Germania. Tutti gli attivisti del partito in ogni distretto devono incominciare immediatamente a preparare l'ascolto della radiocronaca. Non deve esservi nessuno in Germania che non partecipi, attraverso la radio, a questo storico raduno".

Pi tardi, questa sera, la dirigenza del Partito per Berlino ha aggiunto al proclama questi due paragrafi, destinati alla popolazione della capitale: "L'ingresso al raduno di massa allo Sportpalast gratuito.

Il raduno sar trasmesso per radio a mezzo di altoparlanti che saranno disposti lungo le vie che portano dalla Cancelleria allo Sportpalast. Quest'ultimo verr aperto alle ore Venite al grande raduno popolare di massa!

Se non trovate posto allo Sportpalast, allora formate per il Fhrer, lungo il suo tragitto, un gigantesco muro umano e preparategli un'accoglienza colma dei sentimenti che ci infondono queste ore storiche". Pu accogliere circa quindicimila persone. Al tempo della repubblica, e da allora in poi, ha fatto da palcoscenico non solo a eventi sportivi, ma anche a grandi manifestazioni politiche.

Lo stesso Hitler era solito tenervi i suoi discorsi prima di salire al potere, e ricordo che la prima volta che ho visto lui e, con lui, l'intero movimento nazionalsocialista, fu a un raduno di massa svoltosi allo Sportpalast sei o sette anni fa.

E curioso ricordare, per inciso, che a quel tempo Berlino, che aveva una forte maggioranza socialista e comunista, non lo prendeva molto sul serio. A parte un giornale, a quel tempo diretto dal dottor Goebbels, l'indomani tutti i giornali berlinesi criticarono sfavorevolmente il discorso di Hitler. Ma questo accadeva sei o sette anni fa. La stampa non ha dato alcuna spiegazione, ma io ne ho sentito una stasera sulla Wilhelmstrasse.

Il cancelliere, ho sentito dire, ha deciso di parlare al fine di controbattere una dichiarazione fatta da radio Praga alle Non ho sentito quella trasmissione, ma qui a Berlino si dice che Praga ha accusato Herr Hiter e il signor Chamberlain di essere andati oltre i termini che erano stati concordati nell'accordo anglo-francese che stato imposto alla Cecoslovacchia la settimana scorsa. Herr Hitler, mi stato detto, ribatter a quest'accusa nel discorso annunciato per domani sera.

Il che ci riporta al famoso memorandum passato dai tedeschi a Chamberlain l'altra sera, a Godesberg. Stando alle fonti tedesche, quel memorandum si limitava a seguire i princpi enunciati nella proposta anglo-francese per la spartizione della Cecoslovacchia. Oltre a questo, si ritiene che il memorandum richiedesse l'evacuazione, entro un certo limite di tempo, del territorio dei Sudeti da parte dei cechi e l'occupazione del territorio stesso da parte delle forze tedesche.

Uno studio comparso questa mattina nel giornale di Hitler, il Vlkischer Beobachter, spiega tutto questo con molta chiarezza. Il maggior esperto di politica estera del Vlkischer Beobachter, Theodor Seibert, lo sottolinea con forza. Egli afferma che il memorandum conteneva "le proposte di pace definitive del Fhrer". Dice, fra l'altro, che il signor Chamberlain ha accettato l'incarico di farsi latore del memorandum con una grande tristezza in cuore, e aggiunge, cito testualmente: "Proviamo la massima comprensione per il signor Chamberlain".

E il dottor Seibert prosegue: "La posizione di Praga potrebbe essere capita se fosse stata messa in questione la cosiddetta integrit della Cecoslovacchia di Versailles. In realt, non solo la massima parte della pubblica opinione nei paesi democratici dell'Occidente ha accettato l'amputazione della Cecoslovacchia ritenendola inevitabile, ma la stessa Praga, e lo stesso Benes hanno accettato questo principio di base di fronte a tutto il mondo.

Si informa che anche il nuovo governo Sirovy ha notificato a Londra che avrebbe tenuto fede all'accettazione gi data in proposito". Questa la versione tedesca del memorandum. Ora voglio dire solo una parola circa quelle che mi sembrano le reazioni della gente, qui a Berlino, in quest'ora critica. Un amico mi ha chiamato ieri da New York. Voleva sapere se qui ci fosse un clima bellicoso, se fra i berlinesi si fosse sparsa la febbre del "Marciamo su Praga! La mia risposta stata ed "assolutamente no".

Un tempo, alla vigilia di una guerra, la gente andava a urlare la propria rabbia davanti alle ambasciate dei paesi nemici. Mi sono fatto un dovere, oggi, di passare davanti alla sede della Legazione cecoslovacca. Non c'era nessuno l davanti, nemmeno un poliziotto. Non c' nessuna febbre bellicistica fra i berlinesi. Oggi, per esempio, che cosa hanno fatto? Hanno fatto quello che fanno ogni domenica quando c' un bel sole e il clima buono come lo stato oggi.

Hanno lasciato le loro case e si sono recati in massa ai bellissimi laghi e agli splendidi boschi che costellano la citt e i sobborghi, e che fanno di Berlino uno dei pi bei luoghi europei in cui vivere. In migliaia si sono recati al Wannsee per quella che sar stata, probabilmente, l'ultima nuotata dell'anno.

I convogli della metropolitana e della sopraelevata che portano ai laghi e ai boschi erano gremiti. Era difficile trovar posto, anche in piedi. Questa mattina sono andato a fare una passeggiata al Tiergarten, il grande zoo nel parco centrale di Berlino, proprio nel cuore della citt. La brava gente era seduta sulle panchine a prendere il sole, o giocava con i bambini sull'erba.

Bisognava sfregarsi gli occhi per riuscire a pensare che nel Vecchio Mondo, nella vecchia Europa, ci sono dei problemi. Berlino, 26 settembre , ore 1.

In questa sera fatidica per l'Europa finalmente sappiamo qual esattamente la situazione. La maggior parte di voi, suppongo, ha ascoltato il discorso che il cancelliere Hitler ha tenuto cinque ore fa allo Sportpalast di Berlino.

Se l'avete ascoltato, avrete notato che ha detto in un tono, e con parole sulle quali non lecito aver dubbi, che non si sposter nemmeno di un centimetro dalle sue posizioni e che il presidente Benes dovr consegnargli il territorio dei Sudeti entro sabato sera, o affrontare le conseguenze di un rifiuto.

Tali conseguenze - in quest'ora critica si esita a usare la parola sono nient'altro che la guerra. E vero che Herr Hitler non ha usato questa parola. Almeno, nel frastuono delle grida e degli applausi dello Sportpalast io non l'ho sentita, bench mi trovassi a non pi di quindici, venti metri da lui. Ma nessuno tra quelli che affollavano la grande sala, e nessuno fra i milioni di tedeschi che si erano raccolti ieri sera in ogni citt e paese della Germania ad ascoltare la voce del Fhrer che usciva dagli altoparlanti, o tra quelli che l'ascoltavano tranquillamente a casa, ha avuto il minimo dubbio, per quanto dato sapere.

Queste sono le parole di Hitler, che ho annotato in fretta mentre le pronunciava: "Circa il problema dei Sudeti, la mia pazienza al limite.

E il 1 ottobre il signor Benes ci consegner quel territorio". Sono le parole del cancelliere, che hanno scatenato un uragano di applausi e di grida festanti quale mai avevo visto e sentito prima a un comizio nazionalsocialista. E se il presidente Benes non consegna i Sudeti sabato?

Herr Hitler anche a questo proposito ha avuto una risposta categorica. Con voce ferma, e in un uragano di entusiasmo scoppiato prima che finisse la frase, ha detto: "Benes ha ora nelle sue mani la guerra o la pace. A questo punto i quindicimila presenti balzarono in piedi, levando il braccio destro nel saluto e urlando con tutto il fiato che avevano in corpo la loro approvazione. Ci volle pi di un minuto perch Hitler potesse riprendere a parlare. Continu: Il mondo deve sapere che in tutta la mia vita non sono mai stato un vigliacco.

E ora mi metto alla testa del mio popolo come primo dei suoi soldati. I piani antialbanesi della Gran Bretagna, durante la Seconda Guerra Mondiale in base au documenti del Foreign Office degli anni Su la lotta per l'emancipazione dei lavoratori dallo sfruttamento capitalistico.

William Shirer - Wikipedia

Il mito del bravo italiano tra repressione del ribellismo e guerra ai civili nei territori occupati. Atti del Convegno dei Comitati di liberazione nazionale - Torino ottobre Quattro saggi di strategia rivoluzionaria. Prefazione cubana di Ernesto "Che" Guevara. Resistenza, vita quotdiana e stragi dimenticate nell'Area Orientale di Napoli